Maiori Music Festival, concerti e masterclass dall’1 all’8 settembre.

0
104

Il Maiori Music Festival giunge quest’anno alla IV edizione arricchendosi, anno dopo anno, di presenze sempre più prestigiose del panorama musicale nazionale ed internazionale.

Il progetto, nato nel 2016, dall’idea del suo direttore artistico, il M° Salvatore Dell’Isola, di realizzare una settimana della musica con musicisti, docenti e concertisti di fama internazionale, ha acquisito in pochi anni una notevole popolarità, diventando un punto di riferimento nel panorama dei festival italiani.

L’edizione 2019, che avrà inizio nella cittadina della Costiera amalfitana il 1 settembre, mentre i corsi cominceranno il 29 agosto, vedrà tra i partecipanti due figure di spicco del panorama musicale internazionale: Jacob De Haan, compositore e direttore d’orchestra olandese e Paul Halwax, tubista dei Wiener Philarmoniker. Toccherà al compositore olandese De Haan (29 agosto) aprire i master class con un corso di formazione orchestrale, di composizione e di direzione d’orchestra a cui parteciperanno allievi provenienti da ogni parte d’Italia. Al termine del corso intensivo, i giovani partecipanti saranno i protagonisti del concerto inaugurale del festival, “Concerto con l’autore”, diretti da De Haan, (1 settembre porto turistico di Maiori, ore 20.30), in cui verranno eseguite alcune delle sue più belle composizioni  tra cui Oregon, la più rappresentata, Concerto D’Amore, Pacific Dreams, Variazioni in Blue, Queen of the Dolomites, e quelle più recenti come Sbandiamo! e Agosto, un brano scritto con Angela Ciampani per euphonium solista e orchestra di fiati.

Le sue composizioni sono conosciute ed eseguite in tutto il mondo. Jacob de Haan svolge regolarmente il ruolo di direttore ospite con esibizioni delle sue opere non solo in Europa, ma anche in Australia e negli Stati Uniti e come membro della giuria in vari concorsi internazionali. È stato direttore ospite presso la Western International Band Clinic di Seattle. Inoltre, tiene seminari in vari conservatori europei e mondiali come la Bavarian Music Academy in Germania.

Dal 2 settembre saranno ospiti del Festival altri importanti maestri provenienti da diversi teatri, formazioni orchestrali e conservatori italiani e europei, che terranno corsi strumentali per giovani musicisti provenienti da diverse regioni italiane e Maiori, per tutta la settimana, sarà il centro dell’alta formazione musicale ed è proprio questo il principale obiettivo di tutto il progetto  che lo ha portato a consolidarsi sia localmente sia a livello regionale e nazionale. Masterclass e corsi sono diventati delle vere e proprie opportunità di crescita e formazione qualificata per quanti desiderano confrontarsi con grandi musicisti. L’altro ospite internazionale di questa edizione sarà il tubista dei Wiener Philharmoniker e dell’orchestra dell’opera di Stato di Vienna, Paul Halwax. Oltre ad essere stato anche il più giovane tubista accettato dai Filarmonici, Halwax è anche professore alla rinomata Università di Musica di Detmold (Germania) e al MUK, il Conservatorio della città di Vienna. È membro di diverse formazioni di musica da camera dei Filarmonici di Vienna “Ensemble 11” e del “Wiener Brass Ensemble” ed è stato tra i fondatori dell’ensemble “Phil Blech”, con il quale ha registrato due CD per la Deutsche Grammophon. Con i Filarmonici di Vienna ha avuto l’opportunità di suonare sotto la direzione dei migliori direttori d’orchestra del mondo, da Muti a Metha. E ancora tanti altri saranno i docenti provenienti da diverse formazioni orchestrali, teatri e conservatori italiani che, nel corso degli anni hanno già collaborato e contribuito a consolidare il prestigio della manifestazione. Tra questi: Vincenzo Paci, Imerio Tagliaferri, Ermanno Ottaviani, Mario Ciaccio, Antonio Sabetta, Rosario Barbarulo, Giuseppina Ledda e Alexandre Cerdà Belda,

Non mancherà il laboratorio di propedeutica musicale per i più piccoli con la realizzazione dei workshop a cura del M° Marilena Gambella. I concerti si terranno nei luoghi più suggestivi di Maiori, valorizzando i siti artistici e paesaggistici con l’alta qualità della musica. E infatti il 3 settembre il duo Mario Ciaccio (sax) e Vincenzo Giuffridda (clarinetto), entrambi orchestrali della Banda della Polizia di Stato, si esibiranno a S. Maria de Olearia con un repertorio che spazierà dal barocco ai compositori contemporanei. Mentre il 4 settembre il festival andrà in trasferta al Sentiero dei Limoni (ore 10.30), considerato uno dei più belli d’Italia, con “Rint’ oh me” spettacolo introspettivo di musica e poesia di Alexandre Cerdà Belda, alla tuba e al serpentone, accompagnato alla fisarmonica da Rocco Zaccagnino. Ritratti musicali (4 settembre ore 20.30 Salone degli Affreschi,  di Palazzo Mezzacapo)  sarà it tema del concerto dei partecipanti ai corsi del M° Vincenzo Paci, primo clarinetto de “La Fenice” di Venezia e del M° Imerio Tagliaferri, docente di corno presso il Conservatorio di Musica “Tartini” di Trieste e presso l’Alta Formazione Musicale “A. Peri” di Reggio Emilia. Il 5 settembre si continuerà con Variazioni (ore 20:30 Salone degli Affreschi, Palazzo Mezzacapo), l’esibizione dei allievi dei corsi dei maestri Giuseppina Ledda, Mario Ciaccio, Ermanno Ottaviani e Paul Halwax. Le differenti caratteristiche timbriche cattureranno e affascineranno gli ascoltatori con le loro meravigliose sonorità e dinamiche intense. Le energie creative (6 settembre ore 20:30, Salone degli Affreschi, Palazzo Mezzacapo) saranno quelle dei più piccoli musicisti partecipanti al work shop del M° Marilena Gambella come una sorta di dimostrazione dell’effetto che la musica ha sui bambini. Alla musica strumentale si alterneranno sequenze di body percussion. Sarà il concerto “Atto finale” (8 settembre ore 20:30 Chiesa di San Francesco) a chiudere la quarta edizione del Maiori Music Festival con l’orchestra giovanile creata  dal festival stesso, egregiamente diretta dal M° Alexandre Cerdà Belda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here