Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna (Oscar Wilde)

0
28
Medici ed infermieri al lavoro nei reparti di terapia intensiva dell' ospedale modulare Covid allestito nell'area dell' Ospedale del Mare, Napoli 20 ottobre 2020ANSA / CIRO FUSCO
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

di

Giovanni Maria di Lieto

 

Auguri di Buona Pasqua

Ai medici, al personale sanitario, ai volontari delle associazioni, alle Forze dell’Ordine, a tutti coloro che per compiti istituzionali pongono il loro impegno al servizio del bene comune.

A chi soffre la solitudine e l’isolamento forzato.

A chi aveva già fatto dell’isolamento consapevole il proprio modello di vita.

All’umanità intera che ha pieno diritto alla narrazione di un presente e di un futuro da vivere nella condivisione di rapporti, amicizia, affetti, sensibilità, abbracci, amori.

Al di là dei proclami e dei vuoti presenzialismi, propri dei tempi correnti, la lezione dei medici, degli infermieri, dei volontari va còlta e non sprecata, nel senso che vanno “recuperati” l’eticità e la credibilità dei comportamenti, la solidarietà e la coesione sociale, i valori in cui credere, la spinta ideale e di passioni, che sono adempimento del dovere, ma non solo.

Nel senso e nel segno della volontà dell’Ottimismo, valga la forza della Poesia di mio padre Giannino di Lieto (1930 – 2006). Che torna a noi con Frange, L’ombra intorno, Giochi verticali (tutte ripubblicate nell’Antologia – Giannino di Lieto Opere (Interlinea 2010)

 

*****

 

Frange

Fa notte così presto

che accende le piccole storie

a mucchi d’alba

tesi in lunghi corridoi

o sprocchi sbraci

al torpido pensare

il vento di un falò.

 

*****

L’ombra intorno

Occhio della notte

che l’ostro annuvola

in falce d’ore

un fiume la raggela:

è l’alba chiusa nelle occhiaie

come la pioggia scava

disancorato vivere in deriva.

 

*****

Giochi verticali

Il tempo della capra

quando si munge piegati sul ginocchio

era uno spiazzo estivo,

ombra in corsa d’acqua

la fatica saltellante negli squadri cavi

graffiare del naufrago le mani

povere piante

come d’antico vivere:

Il grido si è spellato sulla bocca.

 

*****

“C’è un punto di riferimento concreto, preciso ed esemplare che è dato dall’intera opera di Giannino di Lieto. Sono qui particolarmente grato anche perché posso rendergli omaggio per tutta quanta quella lezione che la sua scrittura ha offerto a me come a tanti altri in trent’anni di attività poetica” GIORGIO BÁRBERI SQUAROTTI, dalla Relazione al convegno sulla poesia di Giannino di Lieto, tenutosi a Minori, nel maggio 2007.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here