Altra bomba d’acqua sulla Costiera Amalfitana, torrente Dragone ad Atrani a rischio esondazione, frane a Minori e Ravello.

0
95
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Dopo quella che si è abbattuta nella notte tra martedì e mercoledì una nuova bomba d’acqua ha flagellato la Costiera Amalfitana, probabilmente colpita da due diverse perturbazioni.

La pioggia ha cominciato a cadere incessante dalle 13 fino quasi alle 17 causando allagamenti e frane ad un territorio già colpito pochissime ore prima.

Ad Atrani il livello del torrente Dragone è arrivato al limite tanto che il sistema di monitoraggio elettronico ha già avviato il suono delle sirene.

Situazione di pericolo alta nel piccolo borgo della Costiera dove la gente, specie i residenti ai pian terreni e i titolari delle attività, stanno lasciando i fabbricati. Il corso principale è stato liberato dalle auto. La situazione è preoccupante.

Intanto un elicottero dei Vigili del Fuco sta sorvolando la Costiera Amalfitana da Minori ad Atrani. Attivate le squadre di Protezione Civile.

A causa delle forti piogge cadute questo pomeriggio la città della costiera amalfitana è stata interessa da un evento franoso in località Villamena, con strade invase da acqua e fango. Il Comune ha diramato nel pomeriggio di oggi un avviso urgente alla cittadinanza ed a tutte le persone presenti sul territorio. A causa di un evento franoso in località Villamena si raccomanda la massima attenzione e si invita ad allontanarsi dai piani bassi. Si raccomanda, altresì, alle attività commerciali di non aprire fino a cessata emergenza.

Altro evento franoso a Ravello, in località Torello (frazione sita a metà strada tra Minori e Ravello sulla Montiera), dove lo smottamento a effetto domino avvenuto in un terrazzamento privato incolto ha provocato l’invasione di terra e detriti sulla strada rotabile d’accesso al borgo che in questo momento risulta temporaneamente isolato.

Il maltempo che si è abbattuto tra le 14 e le 16 sulla provincia di Salerno ha creato forti disagi in Costiera Amalfitana. Paura ad Atrani (Salerno) dove il fiume Dragone è uscito fuori dagli argini facendo scattare il piano di emergenza: al suono delle sirene innescato dal sistema di monitoraggio elettronico, è stata liberata dalle auto via dei Dogi.

Spiega all’ANSA il sindaco Luciano De Rosa Laderchi: “C’è stato qualche danno ma, fortunatamente, nulla di grave. Adesso stiamo provvedendo a tirare via un po’ di materiale che è stato trasportato in strada dal fiume”. Contestualmente sono stati fatti chiudere alcuni ristoranti, messi in sicurezza i turisti ed è stata sgomberata la piazza. “Siamo stati previdenti perché l’esperienza insegna”, ha sottolineato il primo cittadino facendo indirettamente riferimento alla frana che nel settembre 2010 provocò la morte di una ragazza. Il sindaco, inoltre, ha provveduto ad informare la protezione civile regionale. Al momento i volontari sono al lavoro per ripulire le caditoie, per gran parte otturate. Gravi disagi si registrano anche nel comune di Minori dove un fiume di acqua e fango ha otturato un canale del Genio Civile in località Villamena.

“A monte di quell’area c’è Ravello, è possibile che ci sia stata una frana in quella zona”, ha spiegato il sindaco di Minori, Andrea Reale che sta coordinando la macchina operativa in quanto l’abitato è stato invaso da fango, acqua e pietre. A rischio allagamento sono soprattutto i magazzini a piano strada.

L’elicottero Drago 69 dei vigili del fuoco del comando provinciale di Salerno, con a bordo elisoccorritori, sta perlustrando la zona per una verifica del costone a monte dell’area interessata dalla frana. Al momento risultano impegnate in Costiera Amalfitana una squadra del distaccamento di Maiori con due automezzi, una squadra di Nocera Inferiore con due automezzi e una squadra antincendio boschivo di Maiori con un automezzo. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here