I “Ristoratori vietresi” deliziano gli ospiti di Databenc

0
502

Mercoledì 19 aprile, presso il Centro Congressi “Federico II” di Via Partenope 36, Databenc ha presentato al pubblico i risultati dei progetti di ricerca e formazione Cis (Cultural Heritage Information System) e Snecs (Social Network delle Entità dei Centri Storici). L’evento si  è composto compone di due tavole rotonde e uno showroom. Le tavole rotonde hanno riguardato l’impatto sociale e territoriale che le nuove tecnologie hanno sulla valorizzazione e fruizione dei Beni Culturali, argomento che è sempre stato cruciale per il Distretto.

Lo showroom è stato visitabile ad orario continuato ed ha mostrato l’impegno concreto e i prodotti della ricerca esposti potranno essere fruiti sul posto.

Sono intervenuti il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca; il professor Angelo Chianese, presidente distretto Databenc; la professoressa Angela Pontrandolfo presidente Cts Distretto Databenc; il professor Massimo De Santo, Responsabile Scientifico Progetto Chis; l’ingegner Luigi Gallo, Responsabile Scientifico Progetto Snecs; il dottor Maurizio Casasco, Presidente Nazionale Confapi; il dottor Antimo Cesaro, sottosegretario Mibact; il professor Lucio D’Alessandro, Rettore Università Suor Orsola Benincasa; l’ingegner Giuseppe De Pietro, direttore Icar – Cnr; l’onorevole Leonardo Impegno, Membro della Camera dei Deputati; il professor Gaetano Manfredi, Rettore Università di Napoli – Federico II; il professor Luigi Nicolais, professore emerito Università di Napoli – Federico II; l’onorevole Gianni Pittella, presidente Gruppo S&D in Parlamento Europeo; il professor Aurelio Tommasetti, Rettore Università di Salerno ed il professor Guido Trombetti, rettore emerito Università di Napoli – Federico II, che ha moderato il dibattito.

Dopo il dibattito, è stato offerto ai partecipanti un light lunch a cura dell’Associazione Ristoratori di Vietri sul Mare. Lunch che è stato light solo a parole perchè il menu offerto dai Ristoratori Vietresi è stato ricchissimo, a cominciare dall’antipasto di salumi e formaggi irpini (del salumificio dell’Azienda Agricola Biancaniello di Torela dei Lombardi – AV), mozzarella di bufala campana DOP (del caseificio barlotti di Paestum), pizza di maccheroni con frutti di mare, pizza di scarole, cortecce (del Pastificio Sfoglia d’Oro di Nocera Inferiore) con pomodoro datterino giallo vietrese, paccheri di Grano Saracolla con pomodoro e pecorino, la pastiera di grano e la caprese al limone della pasticceria Katia di Nocera Inferiore, il caffè Sombrero di Vietri, ed il limoncello di Aureliano Aceto di Maiori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here