Confturismo e istituto Piepoli: indice di fiducia positivo per il settore turistico

0
530

Il settore turistico continua ad essere in territorio positivo e a spingere l’economia nazionale, nonostante le incertezze dovute alla Brexit non siano da sottovalutare.

E’ quanto emerge dall’indagine dell’Istituto Piepoli per Confturismo, secondo cui l’indice di fiducia del viaggiatore italiano è identico a quello registrato nello stesso mese del 2016 e superiore di un punto rispetto a marzo del 2015, restando sempre nella fascia della sufficienza.

La ricerca mostra inoltre che per oltre un terzo degli italiani la Brexit provocherà una diminuzione della stabilità economico-politica all’interno dell’Unione Europea, con delle chiare conseguenze anche per il nostro Paese. Per i connazionali, l’Italia continua a rimanere la meta preferita. Quasi quattro su cinque hanno intenzione di restare nel Paese per trascorrere le proprie vacanze. Toscana, Lazio ed Emilia Romagna sono in cima alle preferenze nel prossimo trimestre, seguite da Puglia e Campania. Per le tre prime destinazioni la motivazione principale di viaggio è quella artistico-culturale.

I giovani indicano invece come loro meta preferita gli Stati Uniti: nella categoria tra 18 e 34 anni, quasi uno su quattro vorrebbe visitare gli Usa nel corso del 2017, contro una media del 14 per cento per la popolazione nel suo complesso. I prossimi mesi risultano caratterizzati da vacanze relativamente corte, in media 3,6 notti per viaggio, in leggera crescita rispetto allo stesso mese del 2016. Fra gli italiani che viaggeranno nel prossimo trimestre quasi sei su dieci trascorreranno fuori casa 3 notti o più.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here